Social Media Manager e Web Marketing Freelance

Chi sono

Mi chiamo Matteo Figoli, classe 1989, e dal 2012 mi occupo di strategia digitale e social media marketing, sia dentro aziende che da freelance.
Collaboro con clienti di diversi settori, piccoli e grandi, assieme ad un’ampia rete di freelance per mettere ordine e rendere profittevole il loro investimento di web marketing, e in particolare su Facebook e Instagram.

Cosa ho fatto finora

Ho iniziato a lavorare nel settore appena tornato dall’Erasmus di studio in Danimarca, ispirato da un contesto in cui è piuttosto comune per i ragazzi buttarsi sui propri progetti senza paura.

Ho fatto la gavetta con piccoli progetti locali (attività commerciali, ristoranti, e così via) che mi hanno dato grande soddisfazione fin da subito, per poi entrare in un’agenzia di marketing a tempi specializzata nella comunicazione politica, in cui ho potuto seguire alcune campagne elettorali e la gestione ordinaria dei profili di politici di alto livello.

In seguito mi sono dedicato in tutto e per tutto al settore privato, attraverso la felice esperienza da responsabile marketing di una scuola di italiano per stranieri, che si è rivelata un grande successo e una delle più formative che potessero esserci.

Ho potuto sperimentare competenze “orizzontali” riguardo ai diversi strumenti e alle diverse logiche del marketing digitale, dalla SEO alla UX, passando per quel mondo intricato che è l’advertising. Lì ho imparato a coordinarmi con consulenti esterni e personale interno, ho capito cosa significa giorno dopo giorno mandare avanti una strategia integrata, e ho fatto sempre i conti con le evidenze più semplici del funzionamento di un’azienda. 

In parallelo ho potuto sviluppare progetti in autonomia, diventando freelance “puro” nel 2018 e lavorando con molte altre aziende.
Qui mi sono specializzato nel Facebook e Instagram Advertising, anche se poi la capacità di risolvere le “menate” imparata in azienda mi fa spesso prendere la responsabilità di progetti in ottica più ampia, da Digital Project Manager. Sull’advertising e la progettazione di contenuti per i social svolgo anche attività di consulenza e formazione.

Inoltre, l’orizzontalità sperimentata da freelance mi permette di proporre un servizio di Strategia Digitale integrato (che va dallo studio delle parole chiave sul motore di ricerca all’analisi data-driven delle buyer personas), per tutte quelle aziende che devono ancora decidere o ricalibrare il loro investimento online.

Nel 2018 sono stato tra gli organizzatori dell’evento di formazione SEO Architetture, conferenza e workshop incentrati sul rapporto tra SEO e Architettura delle Informazioni.

Nel tempo ho allenato un pensiero strategico e doti organizzative che vedo essere molto apprezzate dai clienti. Cerco di mantenere un approccio molto realistico e “sobrio” al marketing, lontano da quelle retoriche di cui è pieno il mondo (e l’internet) che semplificano in cattiva fede il complesso lavoro di progettazione che sta dietro a ogni grande risultato.

La mia formazione

Ho studiato Scienze Politiche a Firenze, con una specialistica in “Strategie della comunicazione pubblica e politica”, e una tesi magistrale tutta concentrata sul lavoro di uno stand up comedian americano.

Mi sono avvicinato al mondo della comunicazione online da solo, sperimentando un piccolo blog già dagli ultimi anni delle superiori, affascinato dalle possibilità di espressione ed emancipazione che la rete offriva ad un ragazzo della provincia italiana. 

Col tempo, sentendone parlare (per lo più teoricamente) all’università, ho iniziato a seguire qualche primo corso sul digital marketing, per poi buttarmi assieme ad un amico nella gestione delle prime pagine facebook.

Da lì in poi posso dire di aver imparato questo mestiere “sul campo”, anche se più di ogni altro settore, qui davvero non si smette di imparare mai. 

Le competenze più solide per il mio lavoro sono derivate anche dai percorsi di formazione personalizzati che ho svolto con alcuni dei più autorevoli esperti italiani di web marketing (come Tatiana, Roberto e Paola), in un’ottica di preparazione frammentata e on-demand (“uberizzata”, direbbe qualcuno), che ritengo molto adatta e utile alle dinamiche in questo settore.

Cionondimeno, ho svolto diverse esperienze formative “classiche” nel settore marketing

E altre invece dedicate alle discipline che ruotano attorno alla progettazione e al design thinking:

  • Workshop “Risk Management per Freelance” – AVANSCOPERTA Jacopo Romei  ▪ Milano (gennaio 2019)
    Una giornata dedicata all’analisi del rischio, alle strategie per diventare più robusti e antifragili nell’affrontare l’incertezza
  • Laboratorio di Co-progettazione & Service Design – XYZ SCUOLA OPEN SOURCE ▪ Bari (luglio 2018)
    10 giorni per riprogettare i servizi di un laboratorio urbano nel quartiere Libertà di Bari
  • Workshop “Leadership for Innovation: Creating Change in Organizations” – BERLIN SUMMER UNIVERSITY OF ARTS ▪ Berlino (agosto 2017)
    4 giorni intensivi su design thinking, innovazione nei processi e negli strumenti interni alle organizzazioni
  • Training course “To learn or not to learn” (Erasmus +) MUGLA YOUTH CENTER ▪ Mugla, Turchia (agosto 2014)
    Una settimana di training course sulle modalità di apprendimento non formale, in un luogo della Turchia profonda
  • Corso “Learning and Teaching with Digital Media” AARHUS UNIVERSITET ▪ Aahrus, Danimarca (febbraio – giugno 2015)
    Un corso trimestrale per utilizzare il digitale come mezzo abilitante per nuove modalità di apprendimento e insegnamento

Un’altra cosa estremamente utile per la mia formazione sono stati gli eventi Freeelance Camp e Freelance Day, Italians Festival, a cui ho partecipato diverse volte.

Qualcosa su di me

Sono nato a La Spezia ma vivo a Firenze, dopo alcune esperienze a Roma e Aarhus (Danimarca).

Sono molto affezionato ad una citazione di Marcel Duchamp che dice “occorre creare quel che si cerca”.

Dal lavoro cerco un modo di conciliare responsabilità e passione, doveri e cose semplici. Non ho mai avuto grossa paura di cambiare quando le situazioni si sono fatte troppo stressanti o inadatte a me, perché credo nel lavoro fatto bene e mal sopporto chi come modo di vivere vuole sempre fare un po’ meno degli altri.

Ho scelto di essere freelance per scegliere tempi, spazi, modi e persone con cui lavorare. È un progetto in divenire, in cui la sfida più grossa è quella di restringere le maglie troppo larghe della libertà di auto-organizzarsi, ma col tempo si migliora molto.

Fuori dal lavoro mi piace abbandonare la tecnologia e stare in compagnia, ascoltare musica (e suonarla), leggere, fare meditazione e arti marziali, ogni tanto cambiare aria e viaggiare.Sono stato con soddisfazione e per diversi anni il cantante della gloriosa band alternative rock Malenky Slovos da La Spezia 🙂

oppure seguimi su LinkedIn.